Meno rughe con la dieta mediterranea

La salute della pelle non è soltanto un fattore estetico. In effetti, la puliamo, la idratiamo,
la coccoliamo con amore attraverso creme, massaggi, peeling e spiamo ogni suo segno, ruga, imperfezione. Ma per tenerla in forma perfetta, i trattamenti estetici non bastano. La miglior cura inizia a tavola.
“La più recente e stimolante branca della genetica è quella che ha chiarito come il DNA non sia un elemento statico che rappresenta il nostro destino biologico, ma che al contrario è un sistema dinamico che dialoga, interagisce e reagisce agli stimoli ambientali. Questa branca di studi, l’epigenetica, ha aperto orizzonti inim- maginabili nella medicina e nelle possibilità di prevenzione, ma ha implicazioni anche sui pro- cessi di invecchiamento. Facendo le scelte giuste quindi possiamo accendere i geni buoni e spe- gnere quelli dannosi e influire sulla salute ma anche sulla longevità e sulla bellezza” sostiene il Dottor Filippo Ongaro medico e Specialista in Medicina Anti-aging . “Un esempio confermato da molti studi riguarda le sirtuine, proteine cel- lulari capaci di riparare i danni che si accumu- lano giorno dopo giorno e che vengono stimola- te da interventi come la riduzione delle calorie o l’assunzione di particolari fitonutrienti come il resveratrolo. Questo è di particolare importanza per la pelle che fungendo da barriera e filtro con l’esterno è un tessuto dove i segni dell’età si accumulano con particolare facilità”.
“Parte del nostro elisir di lunga vita è in cucina” rinforza il concetto la Dottoressa Pucci Ro- mano, Specialista in Dermatologia “e il segreto risiede nelle radici ambientali, culturali e culi- narie del nostro meraviglioso Paese. Pensiamo alle produzioni tradizionali: ulivi millenari per l’olio extravergine di oliva, una fonte di acidi grassi preziosissimi dal potere antiossidante, grassi vegetali buoni e poi l’uva sia da tavola che da vino, specialmente il rosso, un concen- trato di polifenoli e resveratrolo dalla spiccata azione antiossidante e anti-aging. Una posizio- ne geografica in cui siamo esposti al mare per tre quarti che significa pesce azzurro, un vero concentrato di omega 3 che proteggono il cuore ma non solo. Una dieta ricca di pesce significa una pelle più giovane così come testimoniato anche dalle popolazioni orientali che hanno nel pesce il loro ingrediente base. Purtroppo
il link tra pelle e alimentazione è quello meno indagato e spesso usiamo il cibo come ‘medici- na’ per migliorare i parametri ematochimici e limitare il rischio di alcune patologie, mentre dobbiamo iniziare a pensare alle centinaia di molecole degli alimenti come a preziose alleate della bellezza. Molecole che moltiplicano esponenzialmente le proprie qualità quando agiscono insieme, quelle sostanze che esercitano una funzione plastica, favorendo il rinnova- mento cellulare, energetica nel senso di fornire carburante all’organismo ma anche regolatrice e protettiva dei processi metabolici”.

Tratto dalla rivista Farmauniti